Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




Immobile confiscato, niente sospensiva per lo sgombero
0

Duplice omicidio al distributore per la Cassazione

Sezze

E’ stata fissata per il 6 ottobre davanti ai giudici della Corte di Cassazione l’udienza per il duplice omicidio avvenuto nell’area di servizio del distributore Eni nel territorio di Sezze in cui furono uccisi Alessandro Radicioli e Tiziano Marchionne entrambi di Latina. E’ l’ultimo atto dopo che i giudici della Corte d’Assise d’Appello nell’aprile del 2015 avevano ridotto le condanne per gli imputati che sono Enrico, Stefano e Maurizio Botticelli, tutti di Sezze, accusati di duplice omicidio volontario e poi anche di tentato omicidio.
I fatti contestati erano avvenuti alla fine di ottobre del 2012 quando le due vittime furono uccise a colpi di fucile e di pistola nell’area di servizio che si trova a metà strada tra il capoluogo e Sezze Scalo dove era avvenuto un incontro per un chiarimento.
In primo grado e nel corso del processo che si era svolto davanti alla Corte d’Assise, due dei tre imputati erano stati condannati alla pena dell’ergastolo mentre in secondo grado i giudici della Corte d’Assise d’Appello avevano ridotto le pene ed era caduta l’aggravante della premeditazione. Era stato condannato a 20 anni di reclusione Enrico Botticelli, era stata ridotta a 15 anni la pena per Stefano mentre per Maurizio la pena era stata di 12 anni.

Articolo completo ora in edicola con Latina Oggi del 22 maggio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400