Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




Il macabro risvolto: Cardosi  ha tenuto in casa un giorno intero il cadavere della moglie

Ernesto Cardosi

0

Cardosi interrogato in carcere: non riusciva più a vedere la moglie soffrire

Latina

Con molta difficoltà, trovandosi in uno stato quasi di incoscienza, ha sostenuto che la moglie era malata e non riusciva più a vederla soffrire, per quello ha compiuto quel gesto. Questo avrebbe dichiarato Ernesto Cardosi comparso questa mattina davanti al gip Laura Matilde Campoli per l'interrogatorio in carcere. L'arresto è stato convalidato dal gip che si è riservato sulla misura cautelare. Ernesto Cardosi, pensionato di 72 anni è accusato dell’omicidio di sua moglie Anna Recalcati, 69 anni uccisa in casa con un colpo di arma da fuoco alla testa. A fare la scoperta è stato uno dei figli della coppia: mancava un quarto d’ora alle ventuno di domenica quando si è recato a casa loro, al civico 33 di via Pisacane. I genitori non rispondevano, ma lui aveva le chiavi ed è salito al sesto piano: quando ha trovato il padre in stato confusionale e la madre nuda sul letto, riversa in una pozza di sangue, ha dato l’allarme. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile intervenuti hanno subito compreso di trovarsi davanti a un crimine violento. Cardosi, che aveva assunto una dose massiccia di farmaci, era poi stato trasferito presso il reparto di infermeria del carcere di via Aspromonte. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400