Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Spari sul lungomare, il sindaco:
0

Duplice tentato omicidio, Gallo non parla davanti al gip

San Felice Circeo

Muto. Arrestato con l'accusa di aver aiutato Alessandro Zof la notte del duplice tentato omicidio a San Felice Circeo, Lello Gallo, interrogato dal gip Mara Mattioli, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Stessa scelta da parte di Emanuele Scaglione, giovane deejay di Latina, che all'indomani dell'attentato a Roberto Guizzon e Alessio De Cupis aveva accompagnato Zof a Napoli. Per quest'ultimo l'avvocato Leonardo Palombi ha chiesto la sostituzione degli arresti domiciliari con il solo obbligo di firma e il giudice si è riservato la decisione.

Oltre a Gallo, messo in carcere, e Scaglione, per le gambizzazioni dello scorso 6 marzo sul lungomare, la Mobile ha messo ai domiciliari anche Paolo Di Martino, di Napoli, che per gli inquirenti avrebbe fornito copertura al presunto autore del duplice tentativo di omicidio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400