Armata di una scarpa con tacco a spillo, avrebbe rapinato una coppia del capoluogo pontino nel parcheggio di via Cairoli. Insieme a un complice, giudicato separatamente, avrebbe sottratto ai due un cellulare, un giubbotto nero di pelle e un paio di occhiali da sole. Con l’accusa di rapina, a distanza di sei anni dai fatti, ieri è stata così condannata la 26enne F. L. La coppia sarebbe stata avvicinata da quest’ultima e da un uomo, armato di casco e coltello. Ai due prima sarebbe stato chiesto del denaro e poi sarebbero stati minacciati: “Vi ammazzo, vi faccio vedere io”. Infine la rapina. Era il 14 ottobre 2010. Allertata la Polizia, gli autori del colpo sono stati indagati e poi mandati a giudizio. Il Tribunale di Latina, presieduto dal giudice Nicola Iansiti, a latere Maria Assunta Fosso e Luigi Giannantonio, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Marco Giancristofaro, ha così emesso per la giovane “armata” di tacco a spillo una condanna a due anni di reclusione.