Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Spietata esecuzione davanti ai figli
0

Spietata esecuzione davanti ai figli

Velletri

L’incredulità di commercianti e cittadini: «Era una persona perbene, non ci spieghiamo l’accaduto»

Un atroce delitto, nella tarda serata di domenica, ha scosso il weekend di festa in onore di San Giovanni Battista, patrono del quartiere Velletri Est. Intorno alle 22.45, infatti, il titolare della pizzeria al taglio “Peccati di gola” di via Filippo Turati, all’interno del centro commerciale “La Passeggiata”, è stato ucciso con quattro colpi di pistola Ariton Shaskaj - questo il nome dell’uomo d’origine albanese assassinato a Velletri - esplosi alle sue spalle da un ignoto killer.

«Lo conoscevo da tempo, era un uomo perbene, una bella famiglia. Non riesco ancora a credere che possa essere stato ammazzato così». Sono queste le parole che ha pronunciato un anziano veliterno, incontrato ieri mattina fuori dalla pizzeria “Peccati di gola”, dove nella notte era stato assassinato Ariton Shaskaj.
Incensurato, onesto imprenditore, padre di due meravigliosi bimbi e marito esemplare, “Tony” - così lo chiamavano praticamente tutti a Velletri - viveva a Cisterna, nella zona di Collina dei Pini, a poca distanza dal confine con Velletri. Ogni giorno alzava la serranda del suo locale e si metteva a lavorare, salutando col sorriso ogni cliente e, spesso, fermandosi a parlare con la gente del posto anche dopo aver spento il forno.
A testimonianza di questo suo essere integrato con la città e i suoi abitanti, ieri mattina, davanti alla serranda del locale - su cui era stato affisso il cartello con su scritto “Chiuso per lutto” - sono stati depositati alcuni mazzi di fiori “vistati” di viola. A portarli i commercianti della zona, coloro che condividevano con “Tony” ogni attimo della giornata.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (28 giugno 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400