Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

.




[VIDEO] Chef Rubio scopre i segreti di Mattia Perin a tavola con nonna Maria
0

[VIDEO] Chef Rubio scopre i segreti di Mattia Perin a tavola con nonna Maria

Calcio e cucina

Come fa un ragazzone classe 1993 a sfondare nel mondo del calcio? La risposta è semplice: mangiando tanta pasta e fagioli. Il segreto di Mattia Perin va forse cercato proprio nei manicaretti fatti in casa da nonna Maria, che per il campione latinense della nazionale e del genoa è stata come una seconda mamma. A scoprirlo, con una web series esilarante targata birra Peroni, è stato il famoso volto della tv chef Rubio, una delle tante «Cooking Star» italiane diventato famoso grazie alla trasmissione «Unti e Bisunti».
Il nome della sua ultima invenzione è tutto un programma: «Nonne do it better», un format pensato in occasione dei campionati Europei. Così, mentre sale nel Paese la febbre per le avventure dalla Nazionale Italiana, Peroni è andata alla scoperta di un lato finora nascosto dei sei noti calciatori italiani, con i ricordi e gli aneddoti più curiosi, il rapporto con le proprie nonne e i loro piatti da sempre preferiti. Un racconto insolito che parte dal binomio tradizione e genuinità e unisce le due più grandi passioni degli italiani: il calcio e la buona tavola. Il 10 luglio, giorno della finale di Parigi, su DMAX (canale 52, gruppo Discovery Italia) andrà in onda una puntata speciale tutta dedicata a “Nonne Do It Better 2” in cui tra le protagoniste c’è anche nonna Maria che ha aperto le porte della sua cucina all’eclettico chef romano a cui ha cucinato la sua specialità: la pasta e fagili.
Tra un ingrediente e l’altro la nonna del Mattia pontino ha anche raccontato alcuni aneddoti. Soprattutto gli inizi della passione di Perin, sbocciata quando ancora era solo un bambino: «Rubava i parastinchi e i guanti allo zio, mio figlio più piccolo, ed andava a giocare. Ha sempre sognato di diventare un portiere, mi chiedeva di fare i tiri con lui che doveva parare. Poverino, si faceva male perché giocavamo sul cemento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400