Tutti assolti. Si è concluso così il processo al maresciallo della Guardia di finanza, all’epoca dei fatti comandante della sezione delle Fiamme gialle in Procura, Carmine Anastasia, e agli ex finanzieri Paolo Pasqualetti e Giuseppe Anastasi. Anastasia era accusato di essersi introdotto abusivamente, nel 2008, nel sistema informatico della Procura di Latina, su indicazione degli ex colleghi, per fornire loro informazioni sulle indagini a carico di Indeco, per la discarica di Borgo Montello, ricevendo dai due coimputati buoni di benzina per il valore di 250 euro. Per i tre il pm Daria Monsurrò aveva chiesto condanne a 2 anni e 8 mesi di reclusione, ma il Tribunale di Latina ha assolto tutti perché il fatto non sussiste. Nessun reato dunque è stato compiuto dal maresciallo e dai suoi ex colleghi.