Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Referendum Costituzionale, appello per un voto consapevole
0

Referendum Costituzionale, appello per un voto consapevole

Latina

Per il Referendum Costituzionale vanno organizzati incontri con costituzionalisti senza prendere posizioni di partenza preconcette. E' l'appello di 12 professionisti del capoluogo pontino per la consultazione in programma a ottobre.

"La riforma della Costituzione non deve mai essere un fatto emotivo o, peggio, di schieramento politico. A maggior ragione dopo il risultato elettorale delle elezioni amministrative - affermano Nicolino Fazio, Luigi Greco, Salvatori Rita, Daniel Sermoneta, Straface Giuseppe, Muccitelli Pompeo Antonio, Franca Cassandra, Arcuri Marco, Capponi Stefano, Potente Giuseppe, Stefano Zappalà, Castrucci Ilaria - Risultato che ha evidenziato l’esistenza di un sistema tripolare con il M5S fortemente consolidato, un PD in difficoltà ed un Centro Destra allo stato inesistente ed allo sbando. Votare “ NO “ ad ottobre per posizione politica significa consegnare a brevissimo il Governo al M5S. In pratica chi non spiega i contenuti della riforma e non lascia la scelta agli elettori in realtà sostenendo il NO a prescindere fa campagna elettorale per Di Maio. Il che, magari, non necessariamente è negativo ma almeno andrebbe detto in modo chiaro. Da questa considerazione in tanti, numericamente in continua crescita, riteniamo che sia opportuno intraprendere una terza via, rispetto al SI ed al NO. Informare sui contenuti della riforma. Riteniamo utile organizzare almeno un paio di incontri con Costituzionalisti e con fautori sia del SI che del NO. Il tutto a breve anche nella considerazione che il referendum comunque avrà un risultato, qualunque sia il numero dei partecipanti al voto. Nel complesso si tratta di una riforma di cui si parla da alcuni decenni. Già fatta, anche se con contenuti diversi, durante un Governo Berlusconi e poi bocciata proprio con il conseguente voto referendario. I contenuti, come ogni cosa nella vita, sono indubbiamente discutibili. Nel mondo nulla è perfetto ed accontentare tutti è impossibile. La democrazia è la legge della maggioranza. L’importante è dire la verità. Inoltre le leggi non sono inamovibili. Periodicamente vanno rivisitate sia per verificarne la funzionalità che la corrispondenza ai tempi.
Comunque non è nostra intenzione difendere una scelta o l’altra. E’ nostra intenzione far conoscere a più elettori possibili i contenuti e conseguenze sull’Italia della vittoria del SI o del NO. Il Regno Unito sta dimostrando quando grave può essere un voto emotivo e non ponderato. Ed ancora è nulla. Il Regno Unito pagherà negli anni la conseguenza del risultato referendario di qualche giorno fa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400