Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Fermata bus soppressa, non vedente impossibilitato ad andare al lavoro
0

Fermata bus soppressa, non vedente impossibilitato ad andare al lavoro

Latina

Che il trasporto pubblico di Latina sia un problema per i cittadini è un fatto tutt’altro che sconosciuto. Ma oltre ai ritardi, agli orari affissi non coincidenti al reale arrivo dei bus e alle corse “fantasma”, l’organizzazione confusa del tpl del capoluogo può diventare un vero e proprio impedimento per più di qualcuno. E in questi casi, neanche le alternative dei taxi sembrano essere di aiuto.
Questa la storia di un cittadino di Latina, non vedente, e che da sempre ha vissuto la sua condizione in autosufficienza, nei limiti del possibile. È un lavoratore dipendente, e quotidianamente deve raggiungere il luogo di lavoro tramite mezzi pubblici o taxi. «Da troppo tempo non posso vivere serenamente la mia esistenza - spiega il cittadino - in quanto, a dispetto delle leggi Italiane ed Europee che tutelano i non vedenti per lo spostamento, a Latina bisogna essere succubi di amici o parenti ai quali chiedere continuamente favori. Tutto questo è frustrante». Ed è per questo che l’uomo ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica.
Il problema del cittadino è chiaro: da sempre l’uomo usufruiva della linea A/ dei bus urbani, per poi scendere ad una fermata vicina al suo posto di lavoro, che poi raggiungeva grazie al suo cane guida che aveva imparato la strada. Ma questa fermata, purtroppo, non esiste più e nessuno è stato informato.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (7 luglio)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400