Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

.




Dribbling di Acqualatina ai sindaci: la spa dice "No" al documento del socio pubblico
0

Dribbling di Acqualatina ai sindaci: la spa dice "No" al documento del socio pubblico

Latina

Proposta la pubblicizzazione del servizio e la revisione del management, ma la società non si rimette alla maggioranza dei primi cittadini

Dribblati e lasciati con un nulla di fatto i sindaci oggi riuniti nell'assemblea Acqualatina per presentare un documento atto ad affermare l'avvio del percorso di pubblicizzazione del servizio, la revisione del management interno e il "No" all'aumento tariffario. Ma il socio privato non ha voluto sentire le ragioni dei 18 sindaci firmatari, ossia i primi cittadini di Formia, Minturno, Sezze, Priverno, Pontinia, Roccasecca dei Volsci, Roccagorga, Castelforte, Maenza, Cori, Norma, Sermoneta, Lenola, Santi Cosma e Damiano, Nettuno, Latina, Terracina, Cisterna di Latina, Amaseno (il sindaco di Aprilia era assente ma probabilmente aderirà alla proposta). Ma il socio privato, che detiene il 49% delle quote, ha eccepito sulla possibilità dei sindaci di votare il documento proposto. Tenendo conto dei Comuni che non hanno aderito (Gaeta, Sperlonga, Monte San Biagio e Fondi), il socio di minoranza ha superato la compagine dei sindaci che, ad ogni modo, continua a rappresentare la maggioranza della parte pubblica e di conseguenza la maggior parte dei cittadini che usufruiscono del servizio. Si è rotta così, come già successo in passato, quella regola implicita secondo cui il socio privato si rimette alla volontà pubblica e dunque alla rappresentanza dei cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400