Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Acqualatina

La sede di Acqualatina

0

L’offerta di Acea è inattaccabile

Latina

I sindaci controllori chiedono di bloccare la vendita delle quote di Veolia in Acqualatina, ma non hanno potere di veto

I sindaci-controllori di Acqualatina spa si sono divisi sulla opportunità-necessità che Acea possa acquistare le quote oggi in mano al socio privato Idrolatina spa, mantenendo in questo modo l’asset della società per azioni che vede il pacchetto di maggioranza in mano ai Comuni e il resto ad un privato. Ma in realtà nessuno di loro singolarmente né in gruppo può impedire al socio privato di vendere le proprie azioni. E’ così da Statuto societario, con l’unico vincolo che l’acquirente sia solido. Cioè: i sindaci potrebbero obiettare solo il pacchetto del 49% andasse, per esempio, ad una società in liquidazione o con bilanci in rosso perché questo potrebbe poi coinvolgere o addirittura travolgere anche la solidità di Acqualatina che oggi vanta un attivo di 9,9 milioni di euro. Dunque il dibattito cui si sta assistendo in queste ore è slegato dalla realtà. Tanto più che Acea è un gruppo solido, quotato in borsa quindi maggioramente controllato e inoltre ha avviato una due diligence sui conti della spa delle acque. La cessione delle quote è, in un simile contesto, vicenda che si risolve tra le parti private. Al più i sindaci possono fare pressing sui gruppi politici più o meno importanti dentro e attorno ad Acea, per esempio il Pd o l’amministrazione comunale di Roma per la quale Acea svolge un servizio importantissimo. Chi può davvero incidere sul futuro di Acqualatina?

L'articolo completo in edicola con Latina oggi (27 luglio 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400