Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

.




Vivarini: "Siamo un cantiere aperto", Paponi: "Voglio dimostrare tanto"... e Auteri se la prende con l'arbitro
0

Vivarini: "Siamo un cantiere aperto", Paponi: "Voglio dimostrare tanto"... e Auteri se la prende con l'arbitro

Tim Cup

C'è ancora molto da lavorare, soprattutto dal punto di vista fisico. Ci sono tutte le attenuanti del caso, insomma, per non bocciare il Latina visto ieri sera al Francioni nella prima uscita ufficiale. L'importante era non sbagliare e non partire con il piede sbagliato, così come era invece accaduto nella scorsa stagione. Vincere, aiuta a vincere, anche quando si deve parlare di semplice calcio d'agosto. Il tutto al netto delle tantissime assenza a cui ha dovuto far fronte il mister nerazzurro per inventare un undici titolare anti-Matera, una squadra, quella di Auteri, arrivata al Francioni per fare bottino pieno e giocare subito su ritmi molto alti. Si può dire soddisfatto, insomma, il tecnico abruzzese che in conferenza stampa fa una disamina puntuale su quanto visto ieri allo stadio di Piazzale Prampolini: “Il calcio di questo periodo va fatto con umiltà e dedizione. Oggi ne ho vista in campo, quando non ce n'è nelle gambe bisogna quindi stringere i denti e fare il massimo. In questo momento ci servono anche queste partite, perché non c'è ancora la condizione e sarebbe preoccupante se ci fosse. Le cose positive sono state indubbiamente la solidità difensiva, la concretezza e la voglia di stringere i denti. E' calcio di agosto e va preso per quello che è. L'importante era il risultato perché la vittoria ci fa stare su di giri. Questa è una squadra che ha bisogno di molta autostima, quella autostima che gli permette di giocare palla a terra. Siamo un cantiere aperto ma sono comunque soddisfatto”.

Va sottolineato come nel momento di difficoltà il tecnico abbia cambiato tutto il centrocampo: “Veniamo da carichi importantissimi di lavor. E si vedeva in campo perché abbiamo sofferto nel secondo tempo, quando non riuscivamo più nella fase di smarcamento dei singoli. Ci sta in questo momento, e per questo va bene anche come successo ieri fare fatica, buttare via qualche pallone di troppo. Insomma, bisogna lavorare meglio sui piccoli particolari che per inizio di campionato grazie a queste partite riusciremo sicuramente a migliorare”.

Ora il Novara: “Sono contento così come sono stato contento di incontrare il Matera, squadra veloce, forte tecnicamente nei singoli. Solo così si cresce e soprattutto ci si prepara a quell'inizio di campionato difficilissimo che c'ha riservato il calendario”. Non parla dei singoli ma a domanda precisa il tecnico si sofferma su Paponi: “In Serie B un attaccante deve avere fame, tanta fame. Paponi è uno che ne ha tanta, può dare molte soddisfazioni una volta che avrà la condizione”. C'è da fare i conti con l'emergenza: “Noi dobbiamo diventare forti come squadra intanto, sperando che le individualità importanti che abbiamo in rosa ma che non ho mai potuto praticamente allenare arrivino a darci una mano nel breve periodo. Sono fiducioso perché lo staff medico sta lavorando molto bene”.

PAPONI - "Ci provo spesso in allenamento a fare quel tipo di gol - ha detto Paponi - ma raramente mi escono così belli. Dobbiamo fare bene come squadra, non ripetere gli errori commessi nella passata stagione. Per quanto mi riguarda io lavorerò sempre per fare bene e dimostrare che chi mi ha tenuto fuori l'anno scorso si era sbagliato".

AUTERI - “C'è mancato soltanto il gol – è questo il commento di Auteri, il grande ex, al termine del match di ieri al Francioni – Siamo andati molto bene, in particolare nel secondo tempo quando siamo riusciti in alcuni movimenti importanti. Vorrei rivedere il gol del Latina, perché mi sembrava irregolare. Comunque una partita positiva che ci spinge a lavorare con molta fiducia per il futuro e l'inizio del campionato. Abbiamo lavorato in chiave preparazione e non per questa gara nello specifico, quindi ho poco da recriminare per quanto riguarda la partita che abbiamo fatto”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400