Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




L'allarme terrorismo era solo una vendetta d'amore
0

L'allarme bomba era una vendetta d'amore

Ponza

La mail in cui veniva annunciato il pacco esplosivo era stata inviata dall'ex marito stalker di una turista

Nessuna boma, solo una vendetta d'amore: a spedire la mail con un allarme bomba non è stata la donna bulgara ma l'ex marito stalker, già individuato da Interpol, che già la settimana scorsa aveva compiuto lo stesso atto all'aeroporto di Ginevra.
Tutto ha avuto inizio questa mattina poco prima delle 9, quando a Ponza è arrivata la voce di un sospetto pacco bomba posizionato sulla banchina del porto dell'isola che ogni giorno accoglie traghetti e turisti da ogni parte d'Italia. Immediato lo sgombero dell'area, con le forze armate al lavoro per bonificare tutta la zona e permettere che la giornata, di punta a livello turistico, potesse procedere regolarmente e in totale sicurezza. T
L'allarme è rientrato qualche minuto fa dopo che la valigia sospetta sulla banchina è stata controllata. Tutto il caos era nato in seguito ad una mail in cui si parlava di una bomba sul traghetto Tetide. Controllata una signora bulgara che era la proprietaria del bagaglio. La donna è stata rilasciata. Inutile dire che sono state un paio di ore di grande caos e di puro panico sull'intera isola lunata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400