Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

.




La provincia si mobilita: arrivano gli aiuti nel reatino
0

La provincia si mobilita: arrivano gli aiuti nel reatino

Latina

Convocato il vertice in Prefettura. Coletta: "Evitiamo azioni individuali"

La provincia di Latina continua a mobilitarsi per prestare soccorso alla zona interessata dal terremoto di questa notte, con particolare attenzione all'area di Amatrice. Nelle prime ore di questa mattina il Prefetto Pierluigi Faloni, dopo aver contattato la Prefettura dell'area, ha convocato nel Palazzo di governo il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, dove hanno preso parte il Questore, i comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il sindaco Damiano Coletta, il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il Commissario straordinario della Asl e il coordinatore della Protezione Civile pontina. Un incontro necessario per pianificare gli interventi, primo dei quali l'invio di una squadra dei Vigili del Fuoco nella provincia di Rieti.
"Abbiamo avuto già un confronto con il Prefetto e la Protezione Civile - ha dichiarato il sindaco Damiano Coletta - e abbiamo verificato le disponibilità per aiutare i Comuni colpiti dalla tragedia. La Protezione Civile metterà a disposizione, se necessario, 5 tende più diverse unità doccia e unità bagno. Vorrei dire ai cittadini che a breve sarà fornito un indirizzo su come attivarsi, ed è consigliabile evitare le iniziative individuali, perché così facendo si rischia di essere più un peso che un aiuto".

I soccorsi: 

Per quanto riguarda il livello locale, sono tanti i volontari pronti a mettersi in viaggio verso le zone terremotate: ad esempio, l'Anc di Sabaudia 147, coordinata dal maresciallo Enzo Cestra, ha dato disponibilità al coordinatore Anc Lazio Enrico Lorenzetti per una squadra e un mezzo. In più ha scritto al commissario prefettizio Antonio Quarto mettendo a disposizione la base operativa della prima squadra aerea, localizzata presso l'aviosuperfice Santa Maria De Mattias: qui saranno raccolti generi di prima necessità da portare in uno dei paesi colpiti in base alle necessità. Il materiale dovrà avere una distinta della merce donata e alla consegna verrà richiesta una ricevuta per evitare episodi di sciacallaggio.

Sempre l'Anc, stavolta ad Aprilia, ha messo a disposizione 30 uomini pronti a partire, quando il centro di coordinamento regionale lo riterrà opportuno.

Nelle zone terremotate, invece, sono già operativi uomini e mezzi del Corpo forestale dello Stato e, per quanto riguarda il nostro territorio, i vigili del fuoco di Latina, che alle 5.30 hanno attivato la colonna mobile della sezione Sisma.

Domattina, invece, sarà la Croce Azzurra di Sabaudia a partire con una automedica e, in base alle esigenze che emergeranno nelle prossime ore, mobiliterà altri mezzi.

Già in zona una squadra della protezione civile Alfa di Aprilia, giunta in zona con sei uomini, mentre un'altra squadra è pronta per lasciare la piana pontina. Sempre ad Aprilia, partita anche una squadra della Cb Rondine. 

Anche dall'area romana, le protezioni civili sono pronte: l'associazione "Nettuno" ha preparato una squadra e quando sarà chiamata si dirigerà ad Amatrice; la protezione civile "Airone" di Ardea, invece, partirà alle 12.

Anche l'emergenza sangue viene affrontata con particolare attenzione: viene richiesta la donazione di qualsiasi gruppo sanguigno nel centro trasfusionale dell'ospedale Goretti di Latina, che resterà aperto. La donazione va fatta al mattino e a digiuno.

L'Avis di Latina, invece, ha dato vita alla campagna  "Avis apre un ponte per le donazioni": si potrà donare da domani al 29 agosto, dalle 7.30 alle 10.30, nella sede del capoluogo.

Il 18 settembre, invece, in tutte le Chiese d'Italia sarà effettuata una colletta straordinaria per le popolazioni terremotate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400