Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




"Suoni di fine Estate" per i terremotati
0

"Suoni di fine Estate" per i terremotati

A Latina

Se la cultura è da considerarsi un bene comune, allora nel momento del bisogno può anche produrre solidarietà. E’ questo il concetto che dopo i tragici fatti del reatino viene posto alla base di “Suoni di Fine Estate”, le due Notti bianche promosse dalla Pro Loco Latina Centro Lido in collaborazione con l’Amministrazione Coletta. Qualcuno non sarà d’accordo, storcerà il naso di fronte ad un evento che si apre alla città attraverso l’arte, la musica, la letteratura in un momento di profondo dolore collettivo. Opinioni rispettabili, tutte. Va detto però che sono numerosi i sistemi culturali italiani che hanno deciso di mobilitarsi, di scendere in campo, ciascuno attraverso forme differenti ma ispirate dal medesimo obiettivo: aiutare “concretamente” chi oggi piange i suoi morti e si ritrova senza nulla. Devolvere, sostenere, diventano allora le parole chiave che accompagnano le manifestazioni di questa notte e del 28 agosto. «L’aspetto del sostegno diventa primario», afferma il presidente della Pro Loco, Fabio Fanelli, annunciando che in concomitanza con i vari appuntamenti si osserverà un minuto di silenzio e sarà possibile raccogliere fondi grazie ad appositi Point allestiti per l’occasione, nel segno della campagna di solidarietà delle Pro Loco d’Italia.
E’ fitto il calendario delle manifestazioni, a partire dall'apertura straordinaria dei Musei (fino alle ore 22.00). Alle ore 19, nel foyer del Teatro D'Annunzio, sarà possibile godere dell’esibizione del trio composto da Alessandro Bianchi al pianoforte, Margaret Lumeta e Andrea Sgobba al violino, e nello stesso ambiente ammirare l’esposizione di arte contemporanea di NUN, Cruciano Nasca.
Altro appuntamento è quello al Museo Cambellotti: alle 20.00 tanta musica in due set successivi, protagonisti Sabriesse, Michele e Eugenio Varcasia. Non mancherà una degustazione di vini del Casale del Giglio.
Musica anche nei Giardini del Comune grazie all'organizzazione di Paola Sangiorgi e dell'Atcl.
Dalle 21,30 sarà possibile immergersi nel sound appassionato e travolgente di quell’enfant prodige della tromba, e vocalist di fama internazionale, che risponde al nome di Gabriel Oscar Rosati. Immenso patrimonio umano e professionale, il jazzman con la sua musica ha dato un colore intenso ai caldi ritmi che dalle Antille a Portorico, dal Messico al Brasile e all'Argentina si sono diffusi nel mondo. Con Rosati, nell'ambito del suo BraziLat Afro Project, otto straordinari musicisti e un ospite di assoluto riguardo: il violinista Willie Paco Aguero. Mostra di acquerelli di Valerio Libralato.
Musica anche nell’area della Ztl (ore 22.00) con Ludovica Maiorino, Silvio Scena, Flavio Bertipaglia e Giorgio Coronati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400