Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

.




Don't touch, inizia il processo a Tuma e Cha Cha Di Silvio

Costantino Cha Cha Di Silvio

0

Don't touch, il giudice: «Estorsioni e armi, tutti con un ruolo»

Latina

Le motivazioni del Tribunale per le nove condanne

Le intercettazioni telefoniche rappresentano la spina dorsale dell’inchiesta. Lo dice il giudice Laura Matilde Campoli nelle motivazioni del processo Don’t Touch per i nove imputati che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato. «I fatti hanno tratto origine da una intensa attività criminosa posta in essere nel capoluogo pontino da parte di una associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati di diversa indole tra cui usure ed estorsione, detenzione di droga e di armi. Gli indizi raccolti - aggiunge il giudice nelle motivazioni - nel corso delle intercettazioni telefoniche e ambientali possono costituire fonte diretta di prova di colpevolezza degli imputati e non devono necessariamente trovare riscontro in altri elementi esterni».

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (1 settembre 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400