Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Trattativa interrotta  sui debiti
0

Tribuna, a processo l'ex dirigente dell'Urbanistica Monti

Latina

L’ex dirigente della ripartizione Urbanistica del Comune di Latina, l’architetto Ventura Monti, dovrà comparire davanti al Tribunale l’8 novembre prossimo per essere processato con giudizio immediato per i fatti relativi all’ampliamento della tribuna centrale dello stadio Francioni. Secondo l’accusa formulata dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, l’imputato avrebbe violato la norma urbanistica autorizzando con propria determinazione del 30 luglio 2014 l’ampliamento dello stadio comunale, in contrasto con le previsioni del Piano particolareggiato del quartiere R3-Prampolini, con il quale l’area occupata dal Francioni veniva destinata a zona di verde pubblico. E sempre secondo il capo di imputazione, Ventura Monti dovrà rispondere anche del reato di abuso d’ufficio perché con il suo contestato provvedimento di ampliamento delle tribune avrebbe procurato un ingiusto vantaggio alla società sportiva Latina Calcio, vantaggio derivante dai maggiori introiti procurati dalla maggiore capienza dello stadio. Contestualmente, lo stesso dirigente avrebbe anche procurato un ingiusto vantaggio al Comune di Latina riducendo da quattro a tre ettari l’area di pertinenza dello stadio per fare posto alla realizzazione di due edifici di proprietà comunale per un volume complessivo di 9.000 metri cubi. Per il giudice per le indagini preliminari Pierpaolo Bortone, gli atti contenuti nel fascicolo di indagine sono sufficienti per affrontare il giudizio ed ha quindi accolto la richiesta del pubblico ministero di processare Monti con giudizio immediato, senza passare per l’udienza preliminare.
Una grana giudiziaria che aveva avuto una grande eco mediatica, alimentata dall’attenzione che di lì a poco sarebbe stata posta su tutte le varianti urbanistiche di recente approvazione da parte della Giunta Di Giorgi, a cominciare dalla variante al Ppe di Borgo Piave, e poi culminata nell’annullamento di sei Piani particolareggiati sottoposti a revisione, ivi compreso il Ppe R-3, ritenuti illegittimi dal Commissario straordinario Giacomo Barbato.

L'articolo completo in edicola su Latina Oggi (domenica 4 settembre)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400