Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Il cerchio magico degli incarichi
0

Una regia tecnica per i fallimenti

Latina

Lo strano giro delle sedi legali fittizie porta la polizia tributaria sulle tracce di un’organizzazione. Il dossier della Finanza

Una regia unica, che parte da uno studio professionale di Latina, per una lista impressionante di fallimenti forse programmati ma che, comunque, hanno già prodotto decine di milioni di euro di debiti verso l’Erario.


Il crac programmato
L’indagine che ruota attorno al crac di cinque società a responsabilità limitata del capoluogo, che si occupano (tutte) di logistica e trasporti, è molto più ampia di un accertamento per bancarotta e arriva da lontano, da verifiche che coinvolgono i veri referenti delle società. Gli stessi che avrebbero cancellato le società dall’elenco delle imprese attive presso la Camera di Commercio di Latina con un anticipo utile ad evitare proprio la contestazione del reato di bancarotta. Ma mentre sull’inchiesta della Procura vige un riserbo strettissimo, dagli atti del Tribunale di Latina che ha dichiarato i fallimenti su richiesta dell’ufficio inquirente, si evince il giro d’affari e una certa premeditazione.


Le sedi fittizie
Per esempio: una delle società per cui la Procura ha chiesto e ottenuto il fallimento aveva sede legale a Roma, in piazza Mazzini 20, ma sede effettiva presso uno studio professionale del capoluogo. In base a verifiche della polizia tributaria «ai numeri civici 19, 20 e 21 di piazza Mazzini a Roma, c’è da anni una farmacia e «trattasi di attività che, al pari della società proprietaria dell’immobile, non è risultata riconducibile alla fallita srl che peraltro non ha utenze a sè intestate nello stesso edificio», come risulta dalla relazione del pubblico ministero allegata alla richiesta di fallimento. Il cambio di indirizzo della sede della società è avvenuto il 31 gennaio 2013 ma undici mesi dopo (il 7 novembre 2013) l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio 2012 si è tenuta presso lo studio professionale dove effettivamente si trova la società, lo stesso dove hanno sede le altre quattro fallite. Dunque passaggi fittizi, come finti sono gli amministratori che il Tribunale fallimentare definisce testualmente «prestanome».

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (6 settembre 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400