Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




A Santa Maria due società si contendono il campo di calcio. Una è stata costretta a migrare
0

A Santa Maria due società si contendono il campo di calcio. Una è stata costretta a migrare

Calcio, Serie B

Strutture sportive e bando europeo per le concessioni, oltre alle novità dettate dalla nuova giunta del sindaco Coletta. A Latina il mondo dello sport dilettantistico è in attesa di conoscere il proprio futuro. In particolare le società che praticano calcio sui tanti campi comunali, che hanno avuto una proroga di una stagione per l’utilizzo non senza prima aver effettuato la manifestazione di interesse. Per tutti gli impianti, a quanto pare, entro ferragosto scorso sono state fatte pervenire le richieste per accedere al bando esclusivamente dalle società che già li occupavano. Tutti tranne uno. Si tratta dell’impianto di Borgo Santa Maria, dove saranno due le società calcistiche senza scopo di lucro a contendersi l’assegnazione. Una è il Real Latina, che ha cambiato nome da Sa.Ma. ma di cui ne ha ereditato la matricola. L’altra società, il Santa Maria, che già nella passata stagione era dovuta migrare con la sua scuola calcio nel vicino Borgo Bainsizza.
Sarà una battaglia per i due sodalizi che si contenderanno la concessione. Sulla carta, infatti, entrambi rispetterebbero i pochi criteri che si conoscono per poter accedere al bando, vale a dire la territorialità e l’attività senza scopo di lucro.
Ma il problema sorge adesso per la stagione che è alle porte. Sia il Real Latina che il Santa Maria disputeranno il campionato di Seconda Categoria, ma finora soltanto una delle due società ha avuto la possibilità di allenarsi sul campo di calcio del borgo alla porta nord della città di Latina. Si tratta del Real Latina, sodalizio che può essere fatto risalire al presidente onorario Maurizio Cavaricci e che fino all’anno scorso è stata la concessionaria dell’impianto. Ma se nella stagione appena archiviata il Santa Maria aveva avuto a disposizione almeno due giorni a settimana per allenarsi e la domenica per giocare, attualmente il club del presidente Nino Costa non può mettere piede sul campo di gioco di casa. Da una settimana è iniziata infatti la preparazione agli ordini del neo mister Mangiapelo ma attualmente il sodalizio borghigiano non ha ancora avuto la comunicazione da parte del Comune di Latina su quando potrà tornare ad allenarsi tra le mura amiche.
Il tutto coinvolge naturalmente anche il settore giovanile e i ragazzi della scuola calcio che l’anno scorso è stata fatta gratuitamente ma sul campo di Borgo Bainsizza. Insomma, un’altra piccola realtà che da qualche giorno attende chiarezza sul proprio futuro da parte dell’amministrazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400