E’ fissata per martedì prossimo l’udienza di riesame proposta dall’amministratore di Cosmo srl e dall’amministratore unico di Mimosa Park srl contro il decreto di sequestro preventivo dell’intera area ex Seranflex su cui è stato realizzato un manufatto commerciale di oltre ottomila metri quadrati e che secondo la Procura costituirebbe una lottizzazione abusiva.
Ottenuto il differimento dell’udienza già fissata per il 6 settembre scorso, i legali dei due indagati stanno attendendo da un loro consulente la redazione di una relazione tecnica da proporre ai giudici, dalla quale dovrebbe emergere la perfetta legittimità dell’opera, ivi comprese la concessione in sanatoria rilasciata nel 2003 e il permesso a costruire del 2013.
Peraltro, spiegano i legali, la vicenda è stata già oggetto di un procedimento giudiziario a seguito di un esposto, e nel 2008 la Procura aveva trasmesso al Comune di Latina la relazione del consulente tecnico d’ufficio che rilevava alcune presunte illegittimità nella concessione in sanatoria; a quei rilievi l’amministrazione aveva replicato, anche a seguito di una conferenza dei servizi, sostenendo che l’iter seguito era stato ineccepibile. A quelle controdeduzioni la Procura non aveva mai replicato, e quel silenzio era stato interpretato nel solo modo in cui si poteva interpretare: è tutto a posto.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (10 settembre 2016)