È stata messa nero su bianco, tramite una delibera di variazione di Bilancio, la volontà della Giunta Coletta di riaprire al più presto il Teatro D’Annunzio nel pieno delle sue funzioni e senza rinunciare a una parte del palco, come era stato invece previsto dalle delibere dell’ex Commissario Barbato per la messa in sicurezza della struttura nelle more di una politica di risparmio, propria di una gestione commissariale.
Infatti, come riportato nell’atto pubblicato nell’Albo Pretorio del Comune, l’ente ha stabilito di stanziare ulteriori 160mila euro per ampliare la copertura dei lavori per l’adeguamento della prevenzioni incendi così da permettere la messa in sicurezza dell’intero palco piuttosto che per una porzione della struttura.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (10 settembre 2016)