Assolto perché il fatto non sussiste. Dopo essere stato trascinato a lungo nelle aule di giustizia, si è concluso così il processo all'ex sindaco di Latina, Vincenzo Zaccheo, imputato per diffamazione. L'ex primo cittadino era accusato di aver diffamato, nel novembre 2008, il funzionario regionale Bruno D'Amato, addebitandogli ritardi sul progetto della metro leggera e soprattutto sostenendo che non aveva capito nulla di quel progetto. Il pm ha chiesto una condanna a quattro mesi di reclusione, richiesta sostenuta dalla parte civile. Ma il giudice Giulia Castriota ha ritenuto Zaccheo, difeso dall'avvocato Leone Zeppieri, innocente e lo ha assolto.