Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




Di nuovo prigionieri delle mosche
0

Di nuovo prigionieri delle mosche

Latina

Problemi per tutto il periodo delle vacanze, ma tra fine agosto e primi di settembre la situazione è peggiorata

L’invasione delle mosche alle porte di Latina è ripresa nelle ultime settimane e i sospetti puntano in direzione del pollificio di Borgo Bainsizza che, però, venne posto sotto sequestro nel 2014. In tutta la zona tra il Borgo e via Piano Rosso i residenti per tutto il periodo estivo e in particolare nelle ultime settimane di agosto hanno dovuto fare i conti con una invasione che costringe a tenere le finestre e le porte chiuse.
«Fosse solo questo il disagio - ci dice Nando, un residente della zona - siamo abituati. Ma la situazione è persino peggiore. Siamo costretti a vivere sì con le finestre chiuse, ma da qualche tempo anche con le trappole per le mosche in tutte le stanze di casa. E negli ultimi giorni quelle trappole sono piene. Vorremmo sapere se gli Enti preposti e le istituzioni si siano attivati per effettuare i controlli e capire cosa sta succedendo».
Sebbene i sospetti di molti puntino verso la struttura di strada Bufalotto, l’attività dovrebbe essere sospesa da mesi, anni. Dall’apposizione dei sigilli in seguito agli esposti dei residenti che lamentavano per l’appunto, la presenza di blatte e mosche oltre ai miasmi insopportabili. Ulteriori accertamenti, oltre a confermare il mancato o comunque il non idoneo smaltimento della pollina, portarono alla luce l’interramento di rifiuti di ogni genere, anche pericolosissimi come lastre di eternit. Scattarono i sigilli e l’obbligo a bonificare. A fine 2015 la società proprietaria chiese la concessione del dissequestro. Si disse anche disposta a ridurre di due terzi il numero di animali all’interno dei capannoni (in alcuni momenti il loro numero sembra arrivasse addirittura a 90mila).

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (19 settembre 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400