Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Il sindaco Coletta: "Vogliamo scardinare il vecchio sistema Latina"

Damiano Coletta e Pietro Gava

0

Il sindaco Coletta: "Vogliamo scardinare il vecchio sistema Latina"

Latina

L'occasione era la presentazione del nuovo segretario di Latina Bene Comune Pietro Gava, ma Damiano Coletta ne ha approfittato anche per fare un punto della situazione di questi tre mesi alla guida dell'amministrazione comunale. Il sindaco ha parlato di un Sistema Latina che va scardinato.

“Il sistema che dobbiamo abbattere onsiste in contratti, concessioni, abitudini consolidate che hanno trovato varie complicità – ha spiegato il sindaco Damiano Coletta - Cambiare libro non può prescindere dal cambiare la macchina amministrativa. Stiamo incontrando qualche resistenza da parte di qualche elemento, perché certe abitudini consolidate si stanno sgretolando. Lo dico per onestà intellettuale e non per scaricarmi di responsabilità. Dopo 3 mesi di governo scatta una fase diversa. Chi deve stare nella macchina amministrativa ci può stare a certe condizioni altrimenti può andare via se non è soddisfatto di questo andamento”.

Altro tema della conferenza stampa è stato dedicato ai rapporti con l'opposizione, Dopo le tensioni degli ultimi Consiglio comunali, il neo segretario Pietro Gava ha lanciato un appello distensivo alla minoranza. "Non siamo più in campagna elettorale e mi auguro che lo capiscano anche le opposizioni. Calandrini evidentemente non ha capito quello che sta chiedendo la città e quello che è stato il risultato elettorale. Il nostro risultato è frutto di un no aperto e forte alla sua persona. La rissa cercata da Calandrini tra il primo e il secondo turno gli ha fatto perdere voti, non paga, e trascinarla in consiglio non fa bene né a lui né alla città. È auspicabile che altri non si accodino a questo atteggiamento. E mi riferisco al Pd e a chi ha sostenuto Forte. Chi ha votato quello schiarimento lo ha fatto per fargli governare la città e non per fargli fare le barricate. È auspicabile che non si accodi a comportamenti di rissa verbale ma si vada alla sostanza. Noi veniamo da due commissariamenti, anni disastrosi delle destre che litigavano quotidianamente. Il 75% non si raccoglie così per caso, viene da tanti fattori. È il momento che in questa fase costituente si prendano accordi di lunga scadenza. La vera rivoluzione oggi è smettere di litigare e parlarci. Prendiamo degli impegni pubblici insieme".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400