Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Lavoro e Formazione, 6 bandi per i disoccupati
0

Più soldi alle grandi imprese, pochi agli artigiani : tutti i dati della provincia

Da Confartigianato

Imprese in provincia di Latina, un modo alla rovescia. E' questo che verrebbe da dire leggendo i dati di Confartigianato che disegnano una vera e propria mappa non difficile da seguire che va principalmente in una direzione contraria, alle piccole realtà e quindi all'artigianato. Possibile? Nonostante si senta spesso parlare di bandi, di iniziative e marchi vari per incentivare chi magari tramanda lavorazioni e maestranze di generazione in generazione, di riscontri ce ne sono pochi e quindi Confartigianato si interroga sui perchè. Il punto di partenza per poi cercare di raggiungere altri obiettivi. Nello specifico, cosa si evince dall'analisi di Confartigianato Latina?

Secondo gli ultimi dati statistici, elaborati dall’Ufficio studi di Confartigianato e dall’Ufficio credito di “Confartigianato Latina”, il panorama dell’accesso al credito è alquanto anomalo. Le grandi imprese, ha evidenziato il Direttore provinciale della Confartigianato Ivan Simeone, riescono ad avere maggiori possibilità di accesso al credito, mentre le piccole e, in particolare l’artigianato, trova sempre maggiori difficoltà. Persiste il trend negativo generale con un -1,6% per i finanziamenti alle piccole imprese mentre in aumento i prestiti alle grandi aziende con uno +0,5%. Di contro i prestiti alle famiglie sono in aumento con un + 1,4%.

 

Sostegno alle imprese in difficoltà.

 L’Ufficio credito di Confartigianato Latina, ha sottolineato Ivan Simeone, in questi mesi del 2016, ha erogato finanziamenti –per tramite di Artigiancassa e degli Istituti collegati- ad imprese familiari e ditte individuali. Confartigianato interviene anche a sostegno di quelle imprese che, per varie ragioni, non possono accedere al normale circuito creditizio, operando con bandi e fondi istituzionali sia a livello regionale che nazionale e con operazioni di microcredito anche con tassi all’ 1%.

 Dati “Ufficio Credito Confartigianato Latina”

 A livello locale, oltre l’ 80% delle pratiche presentate sono state liquidate positivamente. Il restante 20% hanno rilevato una criticità legata a sconfinamenti bancari non autorizzati.

La media degli importi erogati è di 30.000,00 euro.  Si sono rivolti all’ufficio credito di Confartigianato principalmente ditte individuali (47%), Srl (35%) e sas (18%). Età media dei titolari delle imprese assistite, è di 40 anni. 30% titolari donne e 70% titolari uomini. I finanziamenti sono stati erogati il 35% per investimenti, 65% per reintegro. Il 50% delle pratiche lavorate, ha avuto la necessità del supporto del Confidi di garanzia.

 

Forte criticità per le imprese edili.

 Le tendenze del credito in questi ultimi mesi, puntualizza il Direttore provinciale di Confartigianato Ivan Simeone, registrano una situazione di “affanno” per le piccole attività d’impresa e le aziende artigiane. Nei primi mesi del 2016 si è registrato un aumento di prestiti alla grande impresa, dopo ben quattro anni di flessione, del +0,7% mentre persiste il calo (-1,7%) dei prestiti alle imprese con meno di 20 addetti. Segnali negativi per le imprese dei servizi (flessione del 1,4%) e per le costruzioni (flessione del 6,2%) che è il settore maggiormente penalizzato.

Credito all’artigianato: continua il trend negativo ma percentuali migliori rispetto alla media del Lazio

 Riguardo al mondo delle imprese artigiane, si evidenzia una diminuzione generale del 4,8%. Continua il trend negativo. L’artigianato (dato al dicembre 2015) rappresenta il 5,1% del totale dei prestiti alle imprese. In quattro anni, i prestiti alle imprese artigiane si sono ridotti complessivamente di un quinto (-19,5%) pari a 10,9 miliardi di euro in meno.

Se andiamo a “guardare” i dati locali, ci accorgiamo che nel Lazio la percentuale dei prestiti alle imprese continua ad essere negativa. Al marzo 2016 siamo con un segno negativo pari al -5,7% rispetto all’anno precedente contro una percentuale nazionale del -1,6%.

Nella provincia di Latina siamo con una diminuzione del -4,1% contro il -2,7% della provincia di Frosinone. Complessivamente, nella provincia di Latina, al 31 marzo 2016, al lordo delle sofferenze, vi è stata una erogazione per le imprese artigiane, di 167 milioni di euro.

 

Come intervenire ?

 Oggi, evidenzia Ivan Simeone, bisogna ricostruire una “cultura creditizia” delle nostre imprese ma anche poterle supportare con strumenti come i confidi e strutture come l’Artigiancassa e particolari accordi bancari. Ruolo della Confartigianato è proprio questo: accompagnare l’impresa, l’azienda artigiana, ad un accesso corretto del credito e di supportarla con una attenta attività di consulenza personalizzata ed “aprirgli” quei canali che da sola non riuscirebbe. In definitiva, conclude Ivan Simeone, bisogna sostenere una nuova politica di sostegno creditizio alle piccole aziende, anche a livello locale, con concreti interventi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400