Sono stati assolti dall’accusa di tentata estorsione ma sono stati condannati entrambi a sette mesi di reclusione per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e alla fine sono stati scarcerati. E’ questa la sentenza emessa ieri dal Collegio Penale del Tribunale di Latina nei confronti di Amedeo Primitivo e Fabio Canali, entrambi del capoluogo, difesi dagli avvocati Reale e Peringotti, accusati di essere coinvolti nel racket dei parcheggi alle spalle dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina.