Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Domani a Borgo Sabotino l'addio a Giuseppe Santoro
0

Domani a Borgo Sabotino l'addio a Giuseppe Santoro

Presso la chiesa del Sacratissimo Cuore di Gesù

Si terranno domani alle ore 15 presso la chiesa del Sacratissimo Cuore di Gesù a Borgo Sabotino i funerali di Giuseppe Santoro l'anziano di 80 anni trovato morto nel canale. Sono ore di lutto queste a Borgo Sabotino, profondo il cordoglio per la scomparsa dell'anziano. 
Da diversi giorni al borgo non avevano più notizie di lui e più di qualcuno si era preoccupato. Una coppia che si era presa cura di lui più di una volta negli ultimi tempi è andata a cercarlo a casa e, non ricevendo risposta, ha dato l’allarme alla centrale operativa del 113. Lunedì erano scattate le ricerche di Giuseppe Santoro, pensionato di 80 anni che viveva nel consorzio Santa Rita nella periferia di Sabotino, non lontano da Valmontorio: martedì mattina il suo corpo senza vita è stato trovato in un fosso vicino alla centrale nucleare.
A dare l’allarme è stato un ciclista che, durante un allenamento, si trovava a passare in via Macchia Grande e buttando l’occhio sul bordo della strada ha notato la figura di un uomo. Si è fermato a controllare meglio e, dopo avere constatato che si trattava di un corpo senza vita, ha subito dato l’allarme. Con il personale medico del 118, che non ha potuto fare altro che constatare il decesso del poveretto, sono intervenuti gli agenti della Squadra Volante che hanno subito pensato all’anziano scomparso la sera prima. Si sono attivate così le procedure per verificare che si trattasse proprio di lui.
Il corpo dell’anziano era riverso su un fianco, con il bastone ancora tra le mani. Giuseppe Santoro era originario del Norditalia da dove si era trasferito a Borgo Sabotino da molti anni. Aveva sempre partecipato alla vita pubblica della comunità, ma dopo la scomparsa della moglie era rimasto solo: non avevano figli e gli era rimasto solo un fratello a Milano che aveva sentito per l’ultima volta venerdì prima di sparire. «Partecipava alla vita pubblica del borgo - lo ricorda l’ex consigliere provinciale Renzo Scalco - Era sempre presente agli eventi come la trebbiatura o le elezioni amministrative per aiutare gli altri anziani. La notizia della sua scomparsa ci ha addolorati tutti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400