Un presunto giro di corruzione nell’ufficio tecnico del Comune di Sperlonga per autorizzare pratiche che non avrebbero potuto essere accolte dal punto di vista urbanistico o per avere una corsia preferenziale per ottenere l’adozione dei provvedimenti, accelerandone dunque l’esito. Questo quanto emerso dalle indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Latina e delegate ai carabinieri di Sperlonga, con i pubblici ministeri Giuseppe Miliano e Valerio De Luca che nelle scorse settimane hanno concluso le indagini preliminari. Sette le persone indagate a vario titolo per corruzione (propria e impropria).

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (20 ottobre)