Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Minaccia la mamma con un coltello Arrestato dalla polizia a Fondi
0

Aggredì il cognato al pronto soccorso: non fu un tentativo di omicidio

Cisterna

Nessun tentativo di omicidio al punto di primo soccorso di Cisterna. Il 10 aprile scorso, nella struttura sanitaria Stefano Saba, 50 anni, di Cisterna, impugnando un coltello aggredì il cognato, Giorgio Fatati, 62 anni, che si era recato lì per accompagnare la moglie, ma non cercò di ucciderlo. Con questa convinzione il Tribunale di Latina, derubricato il reato da tentato omicidio a minacce, ha condannato l'imputato a sei mesi di reclusione, a fronte di una richiesta di condanna a 4 anni e 10 mesi avanzata dal pm Giuseppe Bontempo. Condanna tra l'altro che il 50enne, difeso dall'avvocato Oreste Palmieri, ha già espiato. Il litigio presso il punto di primo soccorso di Cisterna sarebbe scaturito da screzi in ambito familiare tra Saba, volto noto alle forze dell'ordine, e il cognato. A evitare il peggio sarebbero state le due figlie di quest'ultimo, intervenute per evitare che il genitore finisse accoltellato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400