Qualcosa ancora si può trovare sugli appalti e i rapporti tra Isidoro Masi e Nicola Volpe: I carabinieri la stanno cercando nel computer che era in uso all’ex funzionario della Provincia di Latina sequestrato e ora passato al setaccio dai tecnici. La pubblica accusa dopo le dichiarazioni confessorie rese dall’imprenditore coindagato Mauro Ferrazzano, sta analizzando ulteriori elementi utili all’inchiesta anche in relazione ad appalti della Provincia per opere partite dall’ufficio di Masi. Una pista suffragata da pochissimi tasselli ma che avrebbe preso corpo dopo l’interrogatorio di Ferrazzano. Oggi intanto i giudici sciolgono la riserva sulla richiesta di scarcerazione di Cusani.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (31 gennaio 2017)