Elementi importanti ai fini investigativi potrebbero arrivare anche dalle telecamere di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali che sono state visionate dai Carabinieri subito dopo il delitto. Gli specialisti del Nucleo Investigativo, invece, hanno setacciato in lungo e in largo il luogo in cui è avvenuto il delitto, raccogliendo numerosi indizi necessari per ricostruire con la massima esattezza quanto accaduto. La salma di Gino Bellomo, invece, dopo il sopralluogo del sostituto procuratore e del medico legale, è stata condotta presso l'obitorio di Terracina, dove resta a disposizione dell'autorità giudiziaria. Nelle prossime ore dovrebbe essere conferito l'incarico per l'autopsia.