Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

.




Alloggi a canone agevolato nell'ex Hilme
0

Svolta per il sito della ex Hilme ma va avanti solo il progetto dei privati

Pontinia

In un lotto privato dei tre che costituiscono la superficie di quella che una volta era la fabbrica Hilme di Pontinia a breve dovrebbe sorgere una «media struttura di vendita». L’iter è stato avviato nei giorni scorsi, con il progetto che è stato sottoposto al vaglio della giunta municipale per un primo esame. La procedura sarà possibile grazie a quanto previsto dalle norme del piano casa, finalizzate al riutilizzo del patrimonio edilizio dismesso attraverso il cambio di destinazione d’uso, consentendo dunque un altro utilizzo che non sia però residenziale. Questo quanto è stato proposto proprio per parte della fabbrica ex Hilme, costituita da tre lotti di cui due privati e uno del Comune.  Mentre l’ente locale ad oggi continua a interrogarsi sulle varie possibilità di riconversione di quell’immobile acquistato per circa 540mila euro (s’è parlato di mercato a chilometro zero, housing sociale e così via), uno dei privati ha preferito non perdere tempo e nei giorni scorsi ha presentato un’istanza al Comune. Tale richiesta - come si legge in una recente deliberazione di giunta, la n. 77 - prevede, fra l’altro, «la realizzazione attraverso il cambio di destinazione d’uso di una media superficie di vendita con una superficie di vendita pari a 1.951 metri quadrati nel sito industriale di viale Italia in cui operava la società Hilme spa». A un primo esame degli elaborati e della situazione dal punto di vista urbanistico, la giunta del sindaco Eligio Tombolillo ha rilevato che non sussistono «preliminari motivi ostativi o ragioni contrarie a che possa attivarsi la procedura» prevista dal piano casa. Pertanto è stato nominato il responsabile del procedimento attivato a seguito dell’istanza presentata da una ditta con sede a Latina e la scelta è ricaduta sul responsabile del settore Urbanistica del Comune di Pontinia. Resta invece da capire cosa ne sarà del lotto di proprietà comunale, la cui riconversione è stata inserita nei programmi elettorali di tutti i candidati sindaco. Le proposte sono le più disparate, ma tutte dovranno essere poi ponderate in base alla disponibilità finanziaria dell’ente locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400