Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Acqua, corrente e telefono: ipotesi di danno erariale
0

Agenda 2050 vuole il baratto amministrativo

Priverno

Palluzzi parla di "opposizione collaborativa"

A dieci giorni dalle elezioni e a cinque dall’insediamento del nuovo Consiglio comunale, Pierantonio Palluzzi, uno dei fondatori di Agenda2050, torna a far sentire la sua voce. Tutti – dice – parlano di collaborazione. Indubbiamente, è un auspicio da condividere, perché esclude le contrapposizioni a prescindere, in favore di «un rapporto trasparente e di condivisione dei problemi».

Questo, tuttavia, non significa che l’opposizione debba abdicare alla sua funzione democratica. Anzi, «la sua voce sarà tanto più ascoltata, quanto meno sarà incline a polemiche spicciole e pretestuose».

Certo – sottolinea Pierantonio Palluzzi – arriverà il momento di dissentire dalla maggioranza. E lo si dovrà fare con autorevolezza, «applicando quello che è il metodo classico di Agenda2050: analisi, confronto e proposta». Ma la ricerca di collaborazione – precisa l’ex consigliere comunale – in nome del bene comune della città, è soprattutto «prerogativa della maggioranza». Se questo auspicio è «vero, profondo e comune, allora non si perda tempo, si sfrutti il lavoro già svolto da Agenda2050 e ci si faccia carico, maggioranza ed opposizione, della messa a regime del baratto amministrativo», visto che è in vigore il Regolamento approvato dal commissario straordinario.

Quella di Palluzzi è una proposta. Indubbiamente. E si vedrà quale riscontro avrà a livello ufficiale. Ma è anche vero che i nuovi amministratori si troveranno a fare i conti con un bilancio davvero ridotto all’osso e allora il quesito che si pone è: se tutto ciò che entra nelle casse comunali, di fatto è già impegnato, il baratto con le prestazioni dei cittadini con quali soldi si potrà fare? In ogni caso la faccenda va studiata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400