Otto giorni fa, il sindaco di Priverno ha emesso un’ordinanza con la quale si impone ai padroni o conduttori di cani di fornirsi della strumentazione necessaria per raccogliere gli escrementi dell’animale nelle strade e negli spazi pubblici. Pena una multa da 25 a 50 euro. A tutt’oggi si registrano ancora continue lamentele. Una signora, disperata, ci ha dichiarato: “Non se ne può più. In paese ci sono escrementi canini un po’ dappertutto”. La sua denuncia è chiara: basta farsi un giro a piedi in Via Matteotti (la strada della passeggiata ndr), nei vicoli del centro storico, a Borgo S. Antonio e così via. Ma ci sarà pure qualcuno addetto alla verifica del rispetto dell’ordinanza. Intanto goliardicamente qualche cittadino ha affisso un simpatico e ironico cartello su un albero di Via Matteotti.