Tra le tante eccellenze che si sono fatte onore in Italia e all’estero, Priverno annovera anche Mario Salvatori, restauratore di tele, quadri e mobili antichi e moderni. Maestro d’Arte applicata, titolo conseguito all’Istituto statale d’Arte di Priverno, e con tanto di attestato di Restauratore pittorico, conseguito presso lo Studio di restauro “Pavia” in via Margutta a Roma, Mario Salvatori ha iniziato fin da giovanissimo la sua attività, che lo ha portato a ricevere apprezzamenti e attestati di benemerenza in tutta Italia e anche all’estero.

L’ultimo lavoro, se la veridicità dell’opera verrà confermata, aggiungerà sicuramente il giusto lustro alla sua brillante carriera. Infatti, dopo un lungo e delicato intervento di restauro conservativo a cura del maestro Mario Salvatori di Priverno, riaffiora, in tutta la sua originale bellezza, la preziosa tavola (18 X 24 centimetri), sicuramente originale e non copia, come si credeva prima della rimozione dello sporco e dei precedenti restauri, del grande maestro fiammingo del 1600 Antoin Van Dyck (Anversa 1599 – Londra 1641). Anche se a deciderlo saranno i risultati delle analisi, che sono tuttora in corso sul dipinto, da parte di esperti d’indagini scientifiche nel campo della conservazione e restauro e degli studiosi più emeriti del grande Maestro fiammingo.