Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

.




Cani randagi, gestione a colpi di proroga
0

Costi alle stelle per i randagi

Sabaudia

Poche le adozioni e i costi restano a carico del Comune

Quanto spende il Comune di Sabaudia per affrontare il problema del randagismo? Parecchio, stando a un calcolo sommario che chiunque può fare in base agli atti amministrativi disponibili sull’albo pretorio. Basti pensare che per le sole spese relative alle tre strutture convenzionate la cifra - e gli ultimi impegni sono quelli di maggio - si aggira attorno ai 25mila euro. Circa 5mila euro al mese. E a questa somma sono da aggiungere i contributi per coloro che adottano i randagi - iniziativa ovviamente più vantaggiosa per le casse pubbliche rispetto al mantenimento nei canili -, i soldi investiti nel controllo delle nascite e anche eventualmente quelli per lo smaltimento delle carcasse.
Il randagismo, insomma, rappresenta un potenziale problema sì igienico-sanitario, ma anche una grossa grana dal punto di vista economico, dato che il Comune potrebbe investire quei soldi per altre iniziative. Sono gli stessi uffici a metterlo nero su bianco in una determinazione, la n. 88 del 4 luglio di quest’anno. «Il fenomeno del randagismo - si legge nelle premesse - ha assunto nel territorio comunale delle dimensioni di notevole incidenza sia per le caratteristiche morfologiche dell’ambiente» che per la collocazione geografica dello stesso. Sabaudia è infatti attraversata in senso longitudinale da tre arterie stradali di livello regionale e provinciale «notevolmente transitate nel periodo estivo». Quando purtroppo, nonostante tutte le campagne di prevenzione e informazione, gli abbandoni continuano ad esserci.
A ciò è da aggiungere anche un’altra questione, ossia l’assenza di adozioni da parte dei cittadini.

L'articolo completo su Latina Oggi del 30 agosto 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400