Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

.




Emergenza idrica, chiesto il Consiglio comunale
0

Emergenza idrica, chiesto il Consiglio comunale

Sezze

Intanto è stato raggiunto un accordo per Fonte La Penna

Un Consiglio comunale straordinario con un unico punto all’ordine del giorno, la drammatica situazione idrica a Sezze, e con la presenza di funzionari di Acqualatina, che gestisce il servizio.

È questa la richiesta di 12 consiglieri comunali, equamente divisi tra maggioranza e opposizione, avanzata ieri mattina all’attenzione del presidente Sergio Di Raimo e del sindaco Campoli. Proprio ieri mattina, durante le commissioni calendarizzate, è andata in scena una protesta da parte di circa venti cittadini di diverse zone di Sezze nelle quali, da oltre una settimana, il flusso idrico si è abbassato o, nel peggiore dei casi, è addirittura assente.

I consiglieri presenti hanno raccolto le testimonianze dei cittadini, prendendo provvedimenti con la richiesta di un Consiglio straordinario.

Nel frattempo, a seguito dell’ordinanza 40 del 26 giugno 2016, nelle stesse ore si teneva un incontro nella Procura della Repubblica di Latina alla presenza del primo cittadino di Sezze, dei tecnici di Acqualatina e dei responsabili dell’indagine penale riguardante l’infortunio mortale avvenuto nell’impianto di “Fonte La Penna”. In esito a tale incontro sono state definite le procedure e le modalità dell’istanza di dissequestro parziale che consentirà di riattivare l’impianto di sollevamento con il generatore elettrico e una quadristica esterna e provvisoria: «Tale soluzione – si legge in una nota dell’amministrazione comunale di Sezze – consentirà di far tornare funzionante l’impianto di ‘Fonte La Penna’ e ristabilire la normalità dell’approvvigionamento idrico e la normale funzionalità dell’acquedotto comunale». L’auspicio sottolineato dal primo cittadino, dopo un paio di giorni complicati da questo punto di vista, è stato quello di una rapidissima soluzione a tale problematica, anche alla luce dei disagi che stanno patendo numerosi cittadini in diverse zone della città, soprattutto in quelle famiglie in cui ci sono anziani, bambini o disabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400