Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Panorama di Sezze
0

La rete idrica
ritorna al Comune

Sezze

La Giunta comunale di Sezze ha deliberato di acquisire gratuitamente al patrimonio comunale le opere realizzate a cura e spese del “Consorzio di urbanizzazione Monte Pilorci”, relative alla rete idrica. La storia della rete idrica di Monte Pilorci ha origine nel lontano 1967, quando fu approvato lo schema di convenzione inerente il piano di lottizzazione presentato da Karl Lieb, approvato dalla Commissione Edilizia nella seduta del 14 giugno 1967, la cui convenzione fu stipulata nell’ottobre dell’anno successivo.

Tra gli impegni assunti dal lottizzante con la sottoscrizione della convenzione c’erano di provvedere alla realizzazione di una rete interna di approvvigionamento idrico con possibilità di allacciamento alla vicina rete di distribuzione comunale, oltre ad un articolo in cui ci si impegnava a cedere gratuitamente all’amministrazione comunale le opere di urbanizzazione primaria realizzatea cura e spese del lottizzante (strade, acquedotto, impianto di pubblica illuminazione e parcheggi) allo scadere del quindicesimo anno dalla data di ultimazione di esse. Ai fini della realizzazione del piano il lottizzante ha ceduto a privati i lotti di terreno interessati. 

Nel 2007 i proprietari delle aree hanno costituito il “Consorzio di urbanizzazione Monte Pilorci” avente per oggetto e scopo la realizzazione del piano di lottizzazione denominato “Monte Pilorci. Le opere sono state ultimate nel corso dell’anno 2011, come risulta dal progetto di completamento della rete idrica presentato al Comune dai responsabili del “Consorzio di urbanizzazione Monte Pilorci” il 21 marzo 2011, dal quale si evidenziano le opere idriche realizzate. Pur non essendo passati 15 anni dalla loro ultimazione, che avrebbero permesso al Comune di far partire le pratiche e le procedure per l’acquisizione delle opere, però, l’Ato4 e Acqualatina, con due diverse richieste avanzate nei confronti dell’ente comunale setino, hanno sollecitato l’acquisizione.

Per questo motivo la giunta municipale ha deciso di anticipare i tempi tecnici dell’operazione che porta all’acquisizione delle opere nel popoloso quartiere della zona di Suso. Fondamentale, in questo senso, anche l’acquisita disponibilità del consorzio proprietario a trasferire gratuitamente le opere realizzate nonostante non fossero passati quindici anni dal loro completamento. La delibera è passata all’unanimità dei presenti in giunta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400