Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Alessia Mesiano nella storia. Una pontina sul tetto del Mondo
0

Alessia Mesiano nella storia. Una pontina sul tetto del Mondo

Boxe

Non chiamatelo sport da uomini. L’Italia del pugilato splende grazie alle sue donne e, dopo aver festeggiato con Irma Testa la prima, storica, qualificazione di un’atleta nostrana alle Olimpiadi, venerdì notte ha incoronato la pontina Alessia Mesiano come nuova campionessa del Mondo dei dilettanti nella categoria 57kg. Una stella azzurra portacolori della Fiamme Oro ma nata a Latina e che ha mosso i primi passi sul ring nel capoluogo pontino, più specificamente nella asd Parisi Boxe. Ma ci ha messo poco davvero ad attirare le attenzioni delle società capitoline ed in particolare la Roma Tricolore che l’ha poi cresciuta pugilisticamente fino al passaggio con la Polizia di Stato. Alessia Mesiano ha compiuto in Kazakistan una vera e propria impresa. Ad Astana, di fronte ai colossi della boxe mondiale, la 24enne ha dato corpo alle speranze legate ad un filo sottile, vista la situazione, completando una percorso vincente fino al traguardo massimo, vale a dire quell’oro mondiale che mancava nel carnet italiano dal lontano 2005, quando la splendida pioniera romagnola Simona Galassi incamerava per la terza volta il premio più ambito per poi passaere professionista. E’ tutta pontina, dunque, la festa dell’Italia del guantone che ad Astanana, alle soglie delle semifinali, si era ritrovata clamorosamente a secco di atlete nonostante le molte favorite, fatta eccezione proprio per l’atleta latinense.
Un percorso non facile con il momento più complicato rappresentato dal match per l’accesso al podio contro la russa Kuleshova, una delle più forti del suo team sovietico. L’ultima sfida contro l’indiana Lather, che aveva battuto in modo netto la beniamina locale Khafeva. La lotta per l’oro ha visto in difficoltà Alessia per un solo round, il primo, dove la pontina è sembrata impacciata e impaurita, salvo poi esplodere nel resto del match.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400