Un'altra scommessa da vincere, l'ennesima della storia recente della Top Volley Latina targata Ninfa. Una scommessa che porta il nome di Vincenzo Nacci, tecnico pugliese, nativo di Ostuni, un posto meraviglioso che nel recentissimo passato ha ospitato il matrimonio dell'anno tra Flavia Pennetta e Fabio Fognini.
Questa, però, è un'altra storia. Quella che più ci interessa è che il tecnico pugliese, ora alla guida della nazionale venezuelana, sarà il nuovo allenatore del Ninfa Top Volley Latina. La conferma, anche se mancano i dettagli, firma e quant'altro per intenderci, arriva dal presidente del club pontino, Gianrio Falivene.
«La trattativa la sta portando avanti Candido Grande – ci ha spiegato Falivene – Lo ha scelto lui e noi ci fidiamo ciecamente, anche perchè la nostra politica societaria è votata, anche e soprattutto, al valorizzare le qualità tecniche e umane di allenatori e giocatori. Il recente passato, del resto, lo insegna».
E Fei?
«Un giocatore importante, di caratura, che vorremmo regalarci e regalare alla città di Latina. Stiamo lavorando in questa direzione. Diciamo che si dovranno allineare un po' di cose perchè questo avvenga».
Siamo sulla misura di 60-40?
«Anche qualcosina in più. Diciamo che prima bisognerà chiudere con la passata stagione, per poi iniziare a programmare la futura. Anche il progetto Fei, ovviamente, rientra in questo».
Intanto, però, c'è una base di partenza importante e, comunque, un allenatore in arrivo.
«Aver confermato giocatori come Sottile, Maruotti, Rossi e Tailli, è un qualcosa, come dite voi, di importante. Sicuramente non partiamo a mani vuote, per dirla in maniera esplicita, ma con una base solida».
L'idea di una squadra tutta italiana?
«E' ancora molto viva, ma non ci sono in giro schiacciatori da posto quattro e, quindi, la vedo dura. Cercheremo di fare del nostro meglio, anche perchè quando ci mettiamo in testa una cosa, vorremmo che si concretizzasse».