Lavoro, fiducia nel futuro, potenzialità ancora non espresse. Le parole di Pol Garcia Tena per descrivere il momento del Latina non sono scontate. La tempre del ragazzo spagnolo in prestito dalla Juventus e tra i titolari di questo Latina in difesa tradiscono i suoi 21 anni. Oggi, in conferenza stampa, il giovane di Terrasa ha svariato tra presente e immediato futuro in vista dell'impegno dei nerazzurri a Cesena, domenica alle 15

"E' vero, ci manca il successo, ma la cosa che però è positiva è che nelle ultime tre partite, tra cui il turno infrasettimanale, non abbiamo perso. Poi è normale che aspettiamo la vittoria che purtroppo non arriva. Ma stiamo lavorando perchè arrivi il prima possibile. Siamo dispiaciuti per il pareggio con il Benevento arrivato all’ultimo, mentre a Novara abbiamo preso un buon punto con l’uomo in meno. Infine con la Ternana si poteva far meglio e lo sappiamo tutti. Di positivo, ripeto, c’è che abbiamo passato tre gare senza perdere e che stiamo lavorando con tutte le nostre forze per vincere a Cesena".
Anche sulla piccola sfuriata di Vivarini post-Ternana (il tecnico aveva affermato di non aver per nulla apprezzato l’atteggiamento della squadra), Pol Garcia Tena non fa troppi drammi: «Il mister ha detto cose giuste. Ma se mi chiedete di chi è la colpa del gol preso, io dico della squadra. E’ ovvio che quando c’è un gol c’è sempre un errore. Ma a me non piace parlare di singoli o dei reparti. Io credo che quando sbagli, sbaglia la squadra, così come quando si parla della fatica di fare gol. Evidentemente è tutta la squadra che non fa tutte le cose fatte bene. Noi stiamo dando il massimo - continua lo spagnolo - E’ ovvio che qualcosa manca, ma stiamo facendo il possibile per togliere i problemi e centrare i tre punti. Penso che questo sia fuori discussione».