Rispetto ma non timore. Questi gli elementi che emergono dalle parole di mister Vincenzo Vivarini che in conferenza stampa, oggi, ha anticipato la sfida che domani pomeriggio vedrà il suo Latina impegnato sul campo del Carpi, retrocessa dalla Serie A: «Siamo di fronte ad una squadra ben dfinita sotto l’aspetto tattico, sono anni che anche im Serie A ha giocato con gli stessi atteggiamenti e gli stessi temi di gioco. Li troviamo in un momento di esaltazione: vengono da una viottoria fuori casa, ritroveranno po i anche il loro stadio, quindi ci troveremo di fronte una squadra determinata che ha voglia di fare risultato. Ma noi stiamo crescendo e credo che abbiamo le possibilità di metterli in difficoltà».
Un altro tabù da sfatare, quello di aver perso finora contro le altre due retrocesse dalla Serie A: «Questa è una cosa che mi state facendo notare solo adesso. Non guardo certi dettagli, ma penso solo che dobbiamo pensare esclusivamente a fare quello che sappiamo fare in campo. Iniziamo ad avere le idee chiare su quelli che sono movimenti e schemi, quindi sono convinto in una grossa prestazione da parte nostra».

Ma all'ultimo momento il tecnico di Ari ha dovuto fare a meno di Brosco. Altra tegola, visto che il giocatore, tra i più in forma, ne avrà almeno per un mese. Per il resto ci sarà quasi sicuramente la stessa formazione vista domenica scorsa contro il Trapani, con gli unici cambiamenti relativi alla partenza dal primo minuto di Garcia Tena e De Vitis. 

Per la gara contro il Carpi, in programma sabato 15 ottobre al “Cabassi”, Vincenzo Vivarini ha convocato 22 giocatori.

I CONVOCATI – Pinsoglio, Tonti, Sottoriva, Acosty, Amadio, Bandinelli, Boakye, Bruscagin, Corvia, Coppolaro, Dellafiore, De Vitis, Di Matteo, D’Urso, Garcia Tena, Marchionni, Maciucca, Mariga, Moretti, Paponi, Rocca, Scaglia

INDISPONIBILI – Nica, Gilberto, Pinato, Brosco, Rolando

SQUALIFICATI – Nessuno