Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




Contenzioso per i rifiuti, il Pd: "L'eredità della destra"

Il segretario del Pd di Terracina Ivano Giuliani

0

Contenzioso per i rifiuti, il Pd: "L'eredità della destra"

Il segretario Giuliani attacca la passata giunta

La notizia di una richiesta di risarcimento danni milionaria presentata dall’ex società della nettezza urbana, la Servizi Industriali, contro il Comune, ha provocato l’immediata presa di posizione del Pd. Per voce del segretario comunale Ivano Giuliani, parla di un “un capitolato scritto in modo molto discutibile, come ha confermato il TAR, che aveva già comminato al Comune di Terracina una penale di 150 mila euro. Una penale per aver fatto vincere la gara a una ditta che non possedeva i requisiti tecnici per partecipare al bando. E quindi il passaggio dalla Servizi Industriali alla De Vizia”. Nel mirino del Pd un appalto “da 9 milioni di euro l’anno, circa 1/5 del bilancio complessivo annuale del Comune, che prevedeva vantaggi solo per la ditta vincitrice e non per i cittadini. Si pensi solo agli introiti derivati dalla vendita ai consorzi del materiale differenziato. I cittadini si impegnano a differenziare e a guadagnarci è solo la ditta che offre il servizio, già ben retribuito di suo. E ancora, tanto per citare i punti più eclatanti, la concessione a titolo gratuito dell’impianto di Morelle di proprietà del Comune ma che è stato offerto alla ditta gratuitamente”. Secondo il Pd prima o poi i nodi sarebbero venuti al pettine. “Questo era un appalto che faceva gridare allo scandalo allora e che oggi purtroppo sta dimostrando che quanto denunciavamo era fondato. Ma Procaccini e i suoi non hanno voluto ascoltare noi e neppure i numerosi cittadini che avevano anche raccolto le firme per bloccare questo appalto”. Ciò che preoccupa adesso è l’esito che questo contenzioso tra Comune e ditta privata potrà esserci.

“Ricordiamolo a caratteri cubitali – conclude Giuliani - che le due destre che oggi si contrappongono in città con il nome di Fratelli d’Italia e di Forza Italia (esattamente le stesse facce, anche se molte cercano di mandare avanti figli, cugini e altri amici o cercano di riciclarsi in prima persona in liste civiche) stavano in realtà insieme il giorno che tale disgrazia è stata partorita. 

Pertanto se un vero giorno della vergogna per Terracina esiste, questo è il giorno nel quale il sindaco Procaccini ed il suo stuolo di assessori e consiglieri di maggioranza targati PDL, che ora si presentano come la destra buona, hanno sottoscritto un appalto onerosissimo che ha dissanguato le tasche di famiglie e commercianti della città e lascia una eredità pesantissima dagli scenari imprevedibili”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400