Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Gina Cetrone

Gina Cetrone

0

Stati generali dello sport, sono "facce di bronzo"

Terracina

La candidata Cetrone contro Procaccini: "Per anni non si è fatto niente"

Ci vuole coraggio a organizzare un convegno per parlare di rilancio dello sport quando gli ultimi anni di amministrazione sono stati un disastro. La candidata a sindaco Gina Cetrone punta il dito sull’avversario Procaccini e il suo staff, colpevoli a suo modo di vedere di organizzare un incontro con le società sportive.

Riferendosi all’ex sindaco e alla passata giunta, Cetrone della lista civica “Sì Cambia” afferma che “sono dei veri ex in tutto, e anche scordarelli dei disastri procurati alla collettività, tanto da avviare indefessamente discussioni empiriche anche sullo stato dell’arte dello sport e degli impianti sportivi della città, ridotti allo stato brado”. Da parte sua, Cetrone ricorda anche a quelle che definisce “facce di bronzo” come il suo programma abbia un capitolo ad hoc dedicato all’impiantistica sportiva. “Per quanto riguarda le politiche da attuare rispetto alla gestione, manutenzione e sviluppo dell’impiantistica sportiva, non si può di certo avere come punto di riferimento quanto fatto nel corso degli ultimi anni” sostiene. “Tutta l’impiantista sportiva deve ritornare sotto il coordinamento reale del Comune di Terracina, che provvederà ad organizzare anche una possibile gestione congiunta con privati, con ferrei presupposti di tutela del bene pubblico affidato. In ogni modo una seria ricognizione tecnica va fatta per conoscere il reale stato dell’arte delle strutture deputate alle attività sportive presenti sul territorio, con la loro eventuale messa a norma e ristrutturazione, adeguandole tutte alle normative vigenti in materia. Un indirizzo amministrativo comunque deve essere chiaro da subito: prima di pensare alla progettazione e costruzione di nuove strutture sportive o all’accensione di mutui milionari, quelle esistenti devono essere poste nella condizione di funzionare al meglio delle loro possibilità, e con il minor impegno economico possibile per il Comune”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400