Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

.




Sequestrati sessanta reperti di interesse archeologico all’interno del porto
0

Sequestrati sessanta reperti di interesse archeologico all’interno del porto

Terracina

Il valore degli oggetti recuperati è di 300 mila euro

Con il sequestro di sessanta tra anfore, ciotole, catini e altro vasellame di diversa tipologia di interesse storico, artistico/archeologico i Finanzieri del Comando Provinciale di Latina hanno portato a termine un’importante operazione finalizzata al contrasto del fenomeno della spoliazione del patrimonio  culturale. L’attività posta in essere dalla Compagnia di Terracina, su delega della Procura della Repubblica di Latina ha avuto inizio giovedì scorso alle prime ore dell’alba quando i militari hanno eseguito 54 perquisizioni all’interno dei box\locali, insistenti nella zona demaniale del porto di Terracina.

Venticinque uomini e due unità’ cinofile hanno proceduto alla perquisizione di locali in uso ai pescatori della zona, nonché delle abitazioni di 4 soggetti, residenti a Terracina (A.Q., C.D., M.V.,M.C.).

Tra i materiali rinvenuti, di pregevole qualità artistica, vi sono anfore e pezzi di anfore dei tipi Libico, Siriaco e Greco-Italico datate dal II Secolo A.C. al IV Secolo D.C.; Anfore di età Medievale; brocche di età Imperiale, Altomedievale e del XIV Secolo; Ollette del IX Secolo; catini e piatti in ceramica medievale. I militari per catalogare i reperti ritrovati si sono avvalsi dell’ausilio di un Archeologo che ha potuto stimare il valore degli stessi in circa 300 mila euro.

Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro  ai sensi dell’art 252 c.p.p. con il deferimento all’A.G. di 4 soggetti per violazioni all’art. 648 del c.p. ed art. 176 del D.Lvo n 42/2004.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400