Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Ferrari e De Gregorio in campo per il candidato sindaco Corradini
0

Ferrari e De Gregorio in campo per il candidato sindaco Corradini

Terracina

Parte la corsa della lista "Cittadini della mia Terracina"

Sabato scorso Gianluca Corradini ha presentato la nuova lista a sostegno della sua candidatura a sindaco “Cittadini della Mia Terracina” insieme ai coordinatori Mariano De Gregorio e Marcello Masci.

Savina Ferrari e Gavino De Gregorio sono due candidati consiglieri della nuova lista civica che nasce dall’unione di intenti tra Cittadini di Terracina e La Mia Terracina. L’Associazione Cittadini di Terracina ha scelto di sostenere Gianluca Corradini sindaco al termine di un lungo percorso che ha portato i soci ad incontrare i tre candidati sindaco più papabili, oltre a Corradini, anche Di Tommaso e Procaccini, per parlare di programmi e di cose da fare. Alla fine l’associazione ha scelto di intraprendere un percorso al fianco di Gianluca Corradini, condividendo il suo programma e ritenendo la sua la coalizione più solida per il futuro di Terracina.

Savina Ferrari, agente immobiliare, è alla sua prima esperienza politica e ha scelto di impegnarsi insieme al Movimento Cittadini di Terracina per dare un contributo a Gianluca Corradini.
Tra le priorità di Terracina, “rivedere la macchina amministrativa e poi riportare un equilibrio in città a cominciare dalla manutenzione del verde pubblico e dall’assetto delle strade. Si deve ritornare alla normalità per ripartire”. Questo non vuol dire non investire nei progetti, come quello di installare un depuratore al corso dei fiumi per non inquinare l’acqua del mare.
Tra gli impegni personali di Savina Ferrari quello per il turismo, “io faccio parte di questo settore e c’è bisogno di una svolta. Dobbiamo portare a Terracina un modo di fare turismo innovativo, in questo senso è importante fare rete con i Comuni limitrofi, solo così possiamo promuovere il nostro territorio e partecipare a fiere internazionali per far conoscere quello che abbiamo. Le altre città non devono essere percepite come nemiche o competitor, ma come alleati insieme ai quali siamo più forti”.

Anche Gavino De Gregorio è alla sua prima candidatura, ma ha alle spalle una esperienza politica lunga 20 anni: è stato coordinatore cittadini di Fratelli d’Italia e membro del Consiglio nazionale fino all’inizio del 2015 con una breve parentesi da assessore durante la giunta tecnica.
Ha scelto di appoggiare Gianluca Corradini perché “da un’analisi politica ci è parsa la persona che dà più garanzie per il futuro, è un imprenditore con una mentalità diversa ed è la persona che ci può dare le risposte che cerchiamo”.

Di campagne elettorali, Gavino De Gregorio ne ha fatte tante, ma per la prima volta scende in campo in prima persona facendosi portavoce dell’esperienza civica di Cittadini di Terracina, il movimento che ha contribuito a fondare. “A noi interessa capire i veri problemi della città e risolverli con un’attenzione alle cose quotidiane e concrete che alla politica è mancata, visto che si è concentrata solo sulle beghe tra fazioni che non hanno fatto bene a nessuno”.
“Noi vogliamo spostare il focus sulle difficoltà reali della città e sulle priorità di Terracina come la riforma della macchina amministrativa, che è la prima cosa da affrontare appena si insedia il Consiglio comunale. Una macchina che cammina bene deve avere buone ruote ed è per questo che bisogna analizzare quali sono i settori che non funzionano e capire come fare meglio, consultandosi con i dirigenti per individuare dove sono i problemi applicando anche la rotazione di dirigenti e funzionari, che è prevista dalla legge ma finora non è mai stata attuata”.
Tra gli impegni personali di De Gregorio c’è quello per la riqualificazione del centro storico: “sono molto legato al centro storico di Terracina perché ci ho trascorso la mia infanzia e, di conseguenza, la sua valorizzazione è tra i miei obiettivi. Negli anni passati ho organizzato diverse manifestazioni che hanno portato a Terracina migliaia di persone, ma purtroppo la burocrazia disincentiva questo tipo di iniziative. Al contrario, credo che queste cose vadano incentivate e stimolate per fare in modo che Terracina attiri, anche con eventi e manifestazioni pensati ad hoc, visitatori da tutta Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400