Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 02 Dicembre 2016

.




Campionati italiani di biglie da spiaggia: Il Beach Biglie Terracina si conferma leader

Il team pontino in gara a Rimini

0

Campionati italiani di biglie da spiaggia: Il Beach Biglie Terracina si conferma leader

Terracina

I risultati vedono primeggiare il team sponsorizzato da B.C.C. Circeo

Il team del Beach Biglie Terracina ha confermato il suo strapotere in materia di biglie da spiaggia. Nel corso della 12^ edizione dei Campionati Italiani, organizzati dal 23 al 25 aprile presso i bagni Ricci sulla spiaggia di Rimini, i magnifici atleti terracinesi hanno confermato la loro assoluta dominanza in terra d’Italia, sia nelle gare individuali che in quella a squadre. Pur con qualche importante defezione, è questa la rosa dei rappresentanti terracinesi: Americo Fusco, Marcello Sanguigni, Tonino Raponi, Romano Falovo, Sandro Rossi, Mario Ciani, Aristide Sebastianelli, Francesco Giannetti e Stefano Tambucci, il gruppo era completato dalla presenza del dirigente accompagnatore in persona di Federica Cappelli.

Alcuni dati tecnici sul “Marbles Village 2016”: area attrezzata di circa 3.000 mq, con le tre piste ufficiali (Cheecoting, Americana e Burp), area bimbi e direzione gare. Riguardo la pista ufficiale del Cheecoting il punto più alto del tracciato (G.P.M.) si trovava a circa 1,65 m. sul livello della spiaggia, i tunnel più lunghi superavano i 2 m., il rettilineo principale misurava oltre 23 m., il trampolino più impegnativo prevedeva un salto di circa 1,20 m. ed erano presenti tutti gli altri tradizionali passaggi tecnici come la grande curva parabolica (sia a destra che a sinistra), la variante ad “S”, il tornante in salita, la curva del Pataca, un giro ottimale di pista si realizzava con 12/13 tiri, la costruzione delle piste e le decorazioni in sabbia sono state tutte a cura dell’Accademia della Sabbia.

L’edizione 2016 contava 6 gare ufficiali, una gara speciale con i tappi a corona ed una classifica finale a punti per l’assegnazione dell’ambito titolo del Best Player 2016 - Biglia d’Oro: il giocatore che, partecipando a più gare, somma i migliori piazzamenti che lo premiano come miglior giocatore dell’anno in corso.Partecipazione di tutto rilievo al Cheecoting - Campionato Italiano con i migliori 60 atleti rivenienti dalle fasi eliminatorie regionali svoltesi tra marzo ed aprile e provenienti dalle 20 regioni d’Italia tra cui diversi ex campioni in attesa di rivincite. Dalle batterie di qualificazione della prima giornata i Top 24 hanno dato vita alla gara finale avvincente e combattuta ma solo per le posizioni da podio in quanto Americo Fusco da Terracina iniziava e terminava in testa i 3 giri della finale precedendo il toscano Ovidio Epifani (2°) ed il presidente Stefano Tambucci (3°).

La gara a squadre, Tirreno/Adriatica, è una competizione che mette a confronto le 2 storiche scuole marittime del gioco delle biglie, quella tirrenica che ha come riferimento Terracina e quella adriatica sviluppatasi a Rimini, e ha visto la conferma anche quest’anno della compagine tirrenica con il primo posto occupato dal terracinese Sandro Rossi, il secondo dal viareggino Luigi Minetti e il terzo dall’altro terracinese Aristide Sebastianelli, nel complesso è stata schiacciante la vittoria dei tirrenici sugli adriatici. Altre manifestazioni sono state l’Americana, gara ad eliminazione che si è tenuta su una speciale pista molto levigata e performante con tre rettilinei e tre grandi curve paraboliche simile ad un velodromo a forma di triangolo, in cui ad ogni giro di pista veniva eliminato l’ultimo concorrente che tagliava il traguardo fino a giungere ai tre che hanno concluso il gran finale: il primo posto veniva assegnato al piccolo Davide Lucchesi da Massa Carrara, che bissava il successo dello scorso anno, secondo il terracinese Stefano Tambucci e terzo il ravennate Riccardo Testardi.

La Cronometro individuale è stata la vera novità del 2016, gara in cui ogni giocatore affrontava la pista ufficiale perfettamente levigata in solitudine senza rischiare di urtare le biglie degli altri concorrenti, la vittoria andava a chi completava un giro completo nel minor numero di tiri possibile e in caso di parità a chi nell’ultimo tiro dopo il traguardo guadagnava maggior strada: 1° il riminese Stefano Ruta (fratello della nota Maria Teresa), 2° Stefano Tambucci e 3° Marcello Sanguigni. L’eroica è una gara in stile vintage ispirata alla gara ciclistica che dal 1997 si disputa in Toscana nella regione del Chianti su una pista che, normalmente liscia e levigata, è stata resa ruvida prima dell’inizio della gara per simulare una strada sterrata e con biglie di legno, più pesanti delle tradizionali, che vogliono far riferimento alle vecchie biciclette in ferro e senza cambio: 1° Marcello Sanguigni, a suo agio in questo tipo di gare visto il successo anche nella scorsa edizione, 2° Aristide Sebastianelli e 3° Ovidio Epifani.

La Formula Burp è una gara che si svolge in notturna ed ha la particolarità di tenersi su una piccola pista rialzata di circa 75 cm sul livello della spiaggia su un’area di soli 5/6 metri quadrati, è l’unica gara in cui i giocatori tirano le biglie stando sempre in piedi e non carponi ed in cui tutto è consentito pur di recare disturbo agli avversari: qui di rilievo il triplete dei giocatori Terracinesi, 1° Romano Falovo, 2° Marcello Sanguigni e 3° Sandro Rossi. La speciale classifica a punti per l’assegnazione del Best Player 2016 - Biglia d’Oro ha visto il successo, esclusivamente per un solo punto di vantaggio di Stefano Tambucci da Terracina davanti, nell’ordine, ad Americo Fusco e a Marcello Sanguigni, campione uscente nelle ultime due edizioni, con la classifica finale che veniva determinata solo nella volata finale dell’ultima gara caratterizzata da un avvicendarsi di situazioni con continui ribaltamenti delle posizioni in gara dei tre contendenti.

I prossimi appuntamenti per gli atleti terracinesi sono rappresentati dal campionato estivo presso lo storico stabilimento balneare “Sirenella” e quello di una gara internazionale in via di organizzazione per la fine dell’estate presso altro storico stabilimento balneare della riviera di ponente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400