Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Corradini: il mondo dell'agricoltura merita rispetto

Gianluca Corradini

0

Offese al candidato del Pri di origini indiane, Corradini e Golfieri: "Deriva squallida"

Terracina

La replica del candidato sindaco di Forza Italia e il segretario del partito dell'Edera: "E' qui da 20 anni, persona stimata e rappresenta una comunità"

“Dispiace sentire e leggere di attacchi all’indirizzo di Kalam Abul, candidato con il Partito Repubblicano Italiano. Attacchi che definirei inopportuni e squallidi verso un uomo originario del Bangladesh che è a Terracina da 20 anni”. Così Gianluca Corradini, candidato sindaco per Forza Italia, che insieme al segretario provinciale del Partito repubblicano replica a chi si è profuso in offese per la candidatura di un cittadino di origini bengalesi nel partito dell'Edera.

“Kalam rappresenta una comunità molto grande a Terracina che contribuisce con il proprio lavoro a portare avanti un settore fondamentale come l’agricoltura – continua Corradini -. Avere un esponente di questa comunità in una delle liste che compongono la nostra coalizione vuole dire aprire un dialogo tra imprese e lavoratori. Nelle sette liste della nostra coalizione ci sono quasi 170 candidati che rappresentano ognuno uno spaccato della nostra società – conclude il candidato sindaco -. Questa è la democrazia: gli elettori sono liberi di scegliere chi meglio li rappresenta in base ai programmi e alle capacità dei singoli candidati”.

“Ho scelto di candidare Kalam perché è una persona che gode di grande stima: è a Terracina da più di 20 anni ed è un cittadino italiano a tutti gli effetti – spiega il coordinatore provinciale del PRI, Valerio Golfieri, -. I suoi figli sono nati qui e lui è ha un’attività commerciale con la quale dà lavoro a diverse persone, tutte in regola. E’ un imprenditore che paga le tasse come tutti noi e non ha mai avuto alcun tipo di problema con la giustizia. La scelta di candidare Kalam è il voler procedere sulla strada dell’integrazione. Qualcuno lo scrive nei programmi, altri fanno finta che il problema non esiste. Noi, oltre alle parole, passiamo ai fatti: non si può parlare di integrazione se poi si fanno degli attacchi così bassi a una persona che ha scelto di mettersi in gioco e candidarsi. Mi hanno riferito - conclude Golfieri - che venerdì scorso i procacciniani hanno tenuto un comizio in via Sani a Borgo Hermada (che loro affettuosamente chiamano Borgo India) promettendo di difendere e tutelare l’immigrazione. A quanto pare, quella comunità va bene per prendere voti, ma non quando pensa di eleggere un proprio rappresentante”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400