Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Eventi, ecco le nuove regole del commissario

Il palazzo comunale di Terracina

0

Eventi, ecco le nuove regole del commissario

Terracina

Stop alle manifestazioni fai da te: stabilite location e tipologie di iniziative

Stop agli eventi fai da te. Il commissario straordinario Erminia Ocello mette regole chiare: chi vuole organizzare manifestazioni di ogni genere, dovrà attenersi a norme stringenti. Che siano concerti, saggi di danza, sagre enogastronomiche o esposizioni artistiche di vario tipo fa poca differenza. C’è un vademecum da rispettare e lo ha approvato il commissario sulla scorta del piano di zonizzazione acustico e del regolamento per la concessione e l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. Atti che il Consiglio comunale ha approvato già anni fa, salvo poi non essere sempre rispettati, o almeno interpretati.

Le linee guida tracciate dal commissario, invece, lasciano pochi spazi alle interpretazioni. Per la stagione estiva ormai alle porte, gli eventi si potranno svolgere in luoghi prestabiliti. A piazzale Aldo Moro, ad esempio, si potranno svolgere esibizioni, concerti, sfilate, spettacoli teatrali. A Piazza Municipio concerti, recital, saggi di danza, rassegne cinematografiche e letterarie, teatro. Lo stesso al Parco della Rimembranza, Piazza Porta Nuova e Santa Domitilla, con l’aggiunta in quest’ultimo caso anche di mercatini. In piazza Garibaldi e via del Rio si possono prevedere fiere e mercatini, mentre il Parco delle città gemellate e l’area della Pineta entrano nell’elenco degli spazi a disposizione per villaggi enogastronomici, politici e sportivi. Eventuali altri siti dovranno essere singolarmente indicati dalla giunta.

Prima dell’inizio di ciascuna manifestazione e con un congruo anticipo, gli organizzatori dovranno richiedere e ottenere tutte le autorizzazioni, con l’attenzione ulteriore di non poter usare strumenti di amplificazione in concomitanza di eventi religiosi. Per chi non rispetta queste regole, il rischio è di vedersi negare le autorizzazioni per eventi successivi. Non è finita qui perché prima di ottenere le licenze gli organizzatori di eventi a pagamento dovranno anche presentare una relazione con planimetrie, fascia oraria interessata, strumentazione. A seguire, tutti i pagamenti cui sono tenuti i responsabili delle manifestazioni: allaccio Enel, diritti Siae, tassa sull’occupazione. Eventuali contributi potranno essere concessi a eventi che realizzeranno anche promozione turistica della città, avranno una ricaduta positiva per le attività economiche e stimoleranno flussi turistici. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400