Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Fondo svalutazione e barriere anti-debito. Via libera al bilancio di previsione
0

Fondo svalutazione e barriere anti-debito. Via libera al bilancio di previsione

Il commissario Erminia Ocello approva il documento contabile

Via libera al bilancio di previsione 2015 a Terracina. Il commissario straordinario Erminia Ocello ha approvato, col potere del Consiglio comunale, il documento contabile che pianifica le spese ordinarie e le previsioni d'entrata dell'ente municipale. Prudenza soprattutto sul rischio di maturare passività.

Conti blindati, alzate barriere contro il rischio di mancati introiti, soprattutto per la tassa sui rifiuti, ma anche per i disavanzi presenti e futuri fino al 2017. Prevista la copertura per il fabbisogno dell’Osl per chiudere la procedura di dissesto finanziario, con la vendita di immobili e delle quote della farmacia comunale, e si alza il muro anche contro i debiti fuori bilancio.

Prudenza, questa la parola d’ordine del bilancio di previsione 2015 e del pluriennale 2015-2017 approvato dal commissario Erminia Ocello coi poteri del Consiglio comunale dopo il lavoro certosino del dipartimento finanziario. Passa la linea del rigore, utilizzata anche negli anni precedenti ma stavolta, se possibile, ancora più marcata. La nota è arrivata ieri, e parla apertamente di previsioni di entrata prudenziali, di un bilancio «perfettamente in equilibrio», capace di iniziare a pagare la rata del mutuo da 24 milioni di euro contratto con lo Stato e, grazie a un fondo di riserva, anche di far fronte alle emergenze.

Il commissario Ocello parla di entrate volutamente sottostimate «a favore invece degli impegni di spesa che sono stati considerati nella loro interezza e con il massimo dell’attenzione» per «mettere in sicurezza la finanza locale». Il commissario guarda soprattutto alla necessità di onorare i debiti. «In particolare - spiega - il prestito del mutuo riguardante i 24 milioni di euro e poi continuare a trovare le risorse necessarie da fornire alla Osl per saldare i debiti entrati nel default delle casse comunali». Un bilancio attendibile, che consente di guardare «al futuro con una certa dose di ottimismo e senza rinunciare a progetti di più ampio respiro».


Un po’ di numeri. Cinque le annualità con cui sarà ripianato il disavanzo tecnico risultato dal riaccertamento straordinario dei residui attivi al 1 gennaio 2015. Un accantonamento obbligatorio per far fronte ai crediti di dubbia esigibilità. Circa 4,5 milioni finiranno spalmati in un fondo di svalutazione pluriennale (dal 2015 al 2017), mentre per i 5,5 milioni chiesti dall’Osl per chiudere il dissesto, ci vorranno, nelle previsioni 2 anni, vendendo immobili e la farmacia comunale. Un milione 300 mila euro sono invece previsti in tre anni per far fronte ad eventuali debiti fuori bilancio. Ridotta la spesa per il personale, mentre si conferma, dopo il blocco dovuto ad un provvedimento del governo, l’assunzione di 9 vigili urbani stagionali. Ridotte le previsioni di incasso dalle multe per la mancata installazione degli autovelox, da 700 mila a 350 mila euro. Da ultimo, è stato rivisto anche il piano delle opere pubbliche, con aggiustamenti e slittamenti nelle previsioni dei trasferimenti di altri enti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400